Slitta al 3 giugno scadenza domande seconda fase mobilità

SLITTA AL 3 GIUGNO LA SCADENZA PER LE DOMANDE DELLA SECONDA FASE DELLA MOBILITÀ

92.286  domande inserite a sistema, 74.972 quelle inoltrate: sono questi i numeri della mobilità di giugno, quella delle fasi B, C, D che riguarda i trasferimenti interprovinciali e i neo immessi in ruolo.

A leggere i dati si scopre subito che sono quasi ventimila le domande inserite nel sistema e non inoltrate.
Questo significa che ci sono almeno ventimila persone che, a distanza due giorni dalla nuova scadenza fissata dal Miur al 3 giugno, hanno la domanda ‘predisposta’ e non ‘inviata’.

Un giorno in più perché altrimenti l’invio doveva essere fatto entro domani e la  festa della Repubblica rischiava di trasformarsi in un click day. Domani, invece, non saranno attive le funzioni di service desk.  Venerdì il completamento della procedura riguarderà una persona su cinque fra tutte quelle che hanno fatto domanda.

All’appello mancano poi 339 domande di coloro che hanno vinto il concorso e 2.605 domande da parte di quanti sono nelle graduatorie ad esaurimento (GAE). Per questi ultimi, se non presenteranno la domanda scatterà il trasferimento d’ufficio con punti zero.

 

 

L’avviso del MIUR
http://www.istruzione.it/mobilita_personale_scuola/index.shtml

“Si informa che le funzioni per la presentazione delle domande di mobilità delle fasi B, C e D sono prorogate sino al giorno 3 giugno con chiusura definitiva alle ore 24.00, dal momento che nella giornata del 2 giugno non saranno attive le funzioni di service desk”

Visite: 123letture

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi